Verso la festa di San Pardo, a Larino la messa dei carrieri

La comunità di Larino si prepara ai festeggiamenti in onore di San Pardo, patrono della città frentana e della Diocesi.
Il 21 maggio alle 21: la messa dei carrieri celebrata in Cattedrale dal parroco, don Costantino, ha aperto la settimana che porterà ai tre giorni dedicati al protettore, quelli del 25, 26 e 27 maggio.
Saranno centoventicinque i carri trainati dagli animali che parteciperanno alle suggestive processioni lungo le vie cittadine e, in particolare, nel centro storico.
Nel corso di questa messa speciale ogni rappresentante ha portato in Cattedrale uno dei caratteristici fiori di carta realizzati a mano come segno di partecipazione e condivisione comunitaria a una solennità, quella di San Pardo, che attraverso i carri identifica la storia, i momenti, le gioie e dolori di ogni famiglia larinese ricordando anche i carrieri che sono saliti in cielo.
Al termine della celebrazione è stato cantato l’Inno a San Pardo e diversi carrieri hanno intonato a cappella la tradizionale Laudata.
“In questa occasione – ha affermato il parroco – ci riempiamo di una presenza, quella di Dio, attraverso la nostra vita, la gioia, la santità e l’amore. Abbiamo la possibilità di rimotivarci sempre e di rinnovare il nostro cuore come fratelli. Oggi, più che mai, vogliamo seguire l’esempio di San Pardo, poterlo annunciare e raccontarlo agli altri nella sua testimonianza di fede, nella cura dei rapporti tra le persone e nella devozione più profonda a Maria con il pensiero sempre rivolto all’eternità”.

Commenti