Un progetto Erasmus ‘speciale’: Mattia del Boccardi autentico protagonista, giorni intensi in Polonia

TERMOLI. Dal 13 al 20 luglio a Wisla in Polonia si è tenuto lo scambio di gioventù “Independent Thinking for Better Understanding”. Erano presenti 35 giovani provenienti da 7 Paesi (Polonia, Bulgaria, Grecia, Irlanda, Lituania, Portogallo, Romania) e 7 tutor (uno di ciascun paese partecipante). Oltre ovviamente a una delegazione italiana.

Lo scambio ha permesso ai partecipanti di sviluppare il proprio pensiero critico e indipendente sulle sfide di un mondo moderno come il consumo responsabile, il cambiamento climatico, i rifugiati e le società multiculturali – nel contesto degli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. L’apprendimento reciproco e il lavoro in gruppi internazionali ha contribuito anche a costruire atteggiamenti di tolleranza tra i giovani, indipendentemente dal paese di origine o dalla religione.

Lo scambio ha consentito non solo l’acquisizione di nuove conoscenze relativamente a tematiche estremamente importanti quali il consumo responsabile, i cambiamenti climatici, i profughi e le società multiculturali ma ha avuto come obiettivo principe lo sviluppo del pensiero critico e indipendente tra i giovani per renderli consapevoli della propria influenza sul mondo (sia a livello globale che locale) al fine di promuovere la tolleranza e il rispetto dei diritti umani, indipendentemente dal paese di origine o dalla religione.
Inoltre, questo progetto ha contribuito a migliorare le competenze linguistiche; la lingua veicolare del progetto è stata l’inglese.

Al progetto hanno partecipato 5 ragazzi molisani tra cui Mattia Vitale dell’IIS Boccardi di Termoli.

La referente  per gli scambi europei dell’Istituto Boccardi  ha  informato tutti gli studenti del quarto anno della possibilità di trascorrere alcuni giorni in Polonia per partecipare ad un progetto Erasmus+ KA1 Youth exchange in partenariato con Fundacja Dovrà Rozwoj e l’associazione italiana Jumpin.

Molti studenti hanno presentato la loro candidatura ma dell’Istituto Boccardi è stato selezionato solo Mattia Vitale che insieme ad altri 4 ragazzi molisani ha vissuto questa bellissima esperienza.

Mattia ha fortemente desiderato partecipare a questa mobilità e non ha rappresentato alcun limite la sua innata ipovisione. La professoressa referente, il docente accompagnatore e tutta la scuola conoscono Mattia Vitale perché rappresenta uno studente modello la cui curiosità lo spinge a vivere pienamente qualunque esperienza formativa che possa  arricchire le sue conoscenze. Non è solo un ragazzo ligio al dovere ma è un ragazzo disponibile con tutti e intraprendente decisamente dalle mille risorse.

Commenti