Tunnel, duro affondo dell’opposizione. Di Brino: “Fermatevi altrimenti pagheranno i cittadini”

TERMOLI. Ancora una volta dicono no a quella che ritengono un’opera inutile, ossia il tunnel previsto a Termoli. Lo hanno ribadito ancora una volta in conferenza stampa nella sala della minoranza diffidando l’amministrazione comunale a non procedere con l’affidamento definitivo dell’opera.

Seduti al tavolo degli oppositori al progetto c’erano i consiglieri Antonio Di Brino, Annibale Ciarniello e Michele Marone, poi Luciano Paduano e Franco Baccari.

“Abbiamo messo in campo tutte le azioni possibili per evitare questo scempio e dopo un primo atto di significazione oggi presentiamo un altro atto di significazione con cui diffidiamo l’attuale amministrazione comunale a non procedere all’affidamento definitivo del progetto e a non sottoscrivere nessuna convenzione e nessun contratto con la ditta De Francesco. La procedura non è chiusa perché il dirigente Giarrusso ha inviato una nota al Comune di Termoli in cui si chiedeva, tra le altre cose, la validazione dello stesso progetto”.

Ma proprio a quest’ultima richiesta ha risposto la stessa ditta De Francesco: “E’ stato dato il via al procedimento per l’individuazione di soggetto abilitato qualificato come per legge cui affidare a spese dello scrivente l’attività di verifica del progetto”.

“Qualora il Ctar non ammette il finanziamento pubblico – ha incalzato Marone – si rischia grosso in quanto l’articolo 13 prevede che tutte le opere che non vengono realizzate dovranno comunque essere pagate dallo stesso Comune.

Per Ciarniello Termoli è “ostaggio di scelte che non vanno verso l’interesse della collettività”.

Commenti