Tanti volontari per il salvare il Fratino

Il censimento si svolge su tutto il territorio nazionale, dal 10 al 20 di maggio, con un protocollo standardizzato sotto il coordinamento del Comitato Nazionale per la Conservazione del Fratino, cercando di coprire tutto il litorale Italiano, ed è utile per avere una stima globale della popolazione di Fratino (Charadrius alexandrinus)
Dalle informazioni degli anni passati si stima che la popolazione lungo la nostra penisola è diminuita del 50% negli ultimi 10 anni, (in Molise è diminuita del 70%) si desume quindi l’importanza di avere più informazioni possibili per proteggere questa specie così sensibile al disturbo antropico.

Il censimento in Molise, ha offerto risultati molto importanti, registrando anche quest’anno una difficoltà nella nidificazione del Fratino su tutto il territorio costiero in particolare su Termoli (tre nidi di cui uno distrutto dalle ruspe).

In Molise, il censimento ha visto la disponibilità di molti volontari su tutta la costa e le giornate di censimento si sono alternate tra Campomarino, Termoli, Petacciato e Montenero di Bisaccia e grazie alla partecipazione di una decina di persone tra ornitologi, volontari ABM e Cittadini è stato coperto praticamente tutto il litorale costiero. Nella giornata regionale del 18 maggio, per la prima volta hanno partecipato al censimento le classi sez A e B della prima elementare di Petacciato e la partecipazione del Vice Sindaco Di Pardo. I giovani allievi hanno trovato nel nido tre magnifici pulli.

A Montenero di Bisaccia invece il Sindaco Travaglini e l’Assessore Contucci hanno ritenuto utile chiamare i volontari di ABM per il controllo della costa prima della pulizia meccanica.
È stato messo in sicurezza un nido con la grande disponibilità dei balneatori. L’assessore Contucci Simona ha partecipato attivamente alle operazioni di censimento.
Un grazie particolare agli eccezionali Cittadini che hanno partecipato al censimento: Simona Angela Barone, Martina Di Pardo, Tatiana De Santis, De Chiro Maria, Bernardo Sila, Chimisso Giuseppe, Rossella Montazzoli, Maurizio Glave e, gli inossidabili Peppo Amodeo, Norante Nicola, Grieco Antonio e Luigi Lucchese.

Commenti