Tagliato il nastro della 274esima fiera d’ottobre a Larino

LARINO. Un appuntamento storico, radicato nel tempo e nella cultura da secoli. E’ stato inaugurata a Larino la 274esima edizione della fiera d’ottobre, gestita dal Comune e che resterà aperta fino a domenica 9 nell’area dello stadio comunale.

Il taglio del nastro e la benezione alla presenza di tante autorità: c’erano anche il presidente del Consiglio regionale, Vincenzo Cotugno, quello della della Provincia, Antonio Battista.

La benedizione è stata affidato al vescovo, Gianfranco De Luca.

Si tratta di un’area di quasi 2mila mq espositivi, e altri più mille dedicati ad associazioni e a convegni ed eventi.

Per quanto riguarda l’area delle associazioni e delle conferenze resterà gratuita, due euro il biglietto di ingresso, invece, per visitare gli stand delle attività che abbracciano ogni settore, dall’agricoltura all’artigianato passando per turismo, commercio e progetti innovativi.

Larino ha anche una storia pregevole: tra le iniziative oltre ai laboratori, alle mostre e alla festa dell’uva con l’Istituto Agrario, ci saranno anche visite guidate nell’area archeologica.

All’interno del padiglione uno stand dedicato ai detenuti con tutto ciò che hanno realizzato in carcere.

Commenti