Rotello run, una giornata di sport e partecipazione

Si è conclusa con la vittoria del molisano Ivan Di Mario al maschile, con il sensazionale tempo di 56,18 (3,45/km), e dell’abruzzese Sara Di Prinzio 1,06,56 (4,27/km) al femminile, la selettiva gara Rotello Run sulla distanza dei 15 km, organizzata dall’Asd Il Valore con l’autorizzazione dell’Ente di promozione sportiva riconosciuto dal CONI Associazioni Sportive e Sociali Italiane (ASI Nazionale), nonché con la collaborazione tecnica del Settore Atletica Leggera ASI Nazionale. La competizione è stata inserita dall’organizzazione Il Valore nel circuito Corrilabruzzo proprio per far conoscere il territorio molisano agli amici abruzzesi, viste le numerose gare che si svolgono nel territorio limitrofo.
Ad aprire la prima edizione della competizione le note dell’inno nazionale intonato dall’artista locale Antonio Vassalli.
Un plauso va all’intera comunità. Fondamentale l’aiuto di tutti che, ognuno con il proprio contributo ha permesso la riuscita dell’evento. In primis un sentito ringraziamento va all’amministrazione comunale che fin da subito ha sostenuto l’organizzazione dell’Asd Il Valore con grande entusiasmo.
Indispensabile l’aiuto e la partecipazione attiva dei volontari che si sono messi a disposizione in svariati modi: dalla preparazione dei pacchi gara, alla pulizia dei punti più critici del percorso, alla loro dislocazione lungo tutto il percorso stesso, in quanto completamente chiuso al traffico.
Familiari ed amici che, come in una grande famiglia, non si sono risparmiati fino all’ultimo minuto.
La gara podistica si è snodata sia lungo le vie del piccolo centro urbano sia all’esterno, offrendo agli atleti uno scenario paesaggistico incontaminato, ad ampio raggio che dagli oliveti giunge fino alla costa e al Gargano.
Una gara unica nel territorio, sicuramente impegnativa ma che ha regalato grandi soddisfazioni agli atleti giunti al traguardo. Lo sport è stato il comune denominatore che ha fatto modo che numerosi atleti potessero giungere da più parti fino a Rotello. Quello che si è potuto avvertire nell’aria è stata una grande atmosfera di festa e grandi emozioni.
Il direttivo dell’asd Il Valore ha deciso fin dalle prime fasi organizzative di dedicare la 7.5 km in ricordo di Angelo Calenda, fortemente presente nell’affetto di tutti i rotellesi, e non solo. La famiglia ha accolto con grande gioia questa decisione tanto da realizzare l’intero ristoro finale, apprezzato da tutti gli atleti e dallo staff per l’ottima qualità.
Emozioni, lacrime ma soprattutto tanti sorrisi si sono susseguiti durante la giornata. La comunità ha risposto con grande partecipazione all’evento. Bambini, ragazzi ed adulti hanno appuntato il proprio pettorale e hanno dimostrato la forza di una comunità orgogliosa del proprio territorio, seppur ferito dal sisma del 2002, con ancora evidenti i lavori di ricostruzione, ma portatori di gioia e accoglienza. Numerosi i ragazzi che hanno curato i ristori lungo il percorso. E’ stato un anno impegnativo che ci ha permesso di crescere molto.
E così che atleti e presidenti di 30 società si sono messi in viaggio da più parti dell’Abruzzo, del Molise e della Puglia per vivere una splendida esperienza sportiva.
La presenza di due atleti giapponesi (accompagnati dall’Atletica Solidale) e da tre atleti francesi (accompagnati dalla Runners Casalbordinno) ha regalato ulteriore vivacità all’evento, così come la presenza della campionessa di ciclismo Noemi Lucrezia Eremita e Pompeo Barbieri (campione di nuoto paralimpico) ad emozionare il podio con il racconto delle loro imprese sportive.
L’Atletica Solidale ha arricchito la RotelloRun offrendo la propria collaborazione tecnica alla supervisione e all’approvazione finale del percorso in collaborazione con la struttura ASI Atletica Leggera. I sopralluoghi necessari all’individuazione del percorso sono stati guidati dal runner locale Eduardo Palmieri.
Non possono mancare i ringraziamenti alla Sezione dell’Avis di Santa Croce di Magliano, al suo presidente Flaviano Alfieri e al direttivo e alla Sezione Giovani, alla Pro Loco di Rotello, al presidente e ai volontari del RGPT Volontari di Santa Croce Di Magliano, all’arch. Rocco Fiorilli e a tutti gli sponsor.
LA GARA:
Nella sfida al femminile fin dal primo giro allungo progressivo dell’Atleta Sara Di Prinzio, seguita da numerose altre podiste di ottimo livello, il finale di gara ha regalato l’assolo della runner dell’Atletica Rapino per un podio così definito: al primo posto Sara Di Prinzio (Atletica Rapino) 1,06,56 (4,27/km), al secondo posto Federica Di Fulvio (Il Crampo Lanciano) 1,09,47 (4,39/km) e al terzo gradino Rosalba Monachese (Podistica San Salvo) 1,10,26 (4,41/km).
Nella gara maschile, testa a testa nel primo giro tra Nicolino Catalano e Ivan Di Mario, poi il molisano cambia ritmo e allunga con un finale in crescendo, per un podio così definito: primo gradino del podio per Ivan Di Mario (Polisportiva Molise Campobasso) 56,18 (3,45/km), secondo gradino per Nicolino Catalano (I Lupi D’Abruzzo) 57,47 (3,51/km) e in terza posizione Vincenzo Del Villano (Podistica San Salvo) 59,31 (3,58/km).

CLASSIFICA SOCIETA’:
1. PODISTICA SAN SALVO
2. ASD LARINO RUN
3. ATLETICA RAPINO
4. RUNNERS CASALBORDINO
5. PODISTICA ALTERNATIVA

Un ringraziamento alle trenta società partecipanti:
1. PODISTICA SAN SALVO
2. ASD LARINO RUN
3. ATLETICA RAPINO
4. ASD IL VALORE
5. RUN. CASALBORDINO
6. PODISTICA ALTERNATIVA
7. RUNNERS PESCARA
8. ATLETICA SOLIDALE
9. ASD RUNNERS PETACCIATO
10. ASD IL CRAMPO LANCIANO
11. RUNNERS CHIETI
12. AVIS CAMPOBASSO
13. I LUPI D’ABRUZZO
14. NUOVA F.A.R.T. SPORT
15. PODISTICA VASTO
16. CLUB ATL. SAN NICANDRO
17. ATHLETIC CLUB TERMOLI ASD
18. ATLETICA MOLISE AMATORI
19. NUOVA ATLETICA MONTESILVANO
20. POLISPORTIVA MOLISE CAMPOBASSO
21. SPORT TEAM TERMOLI
22. SPORT FIGHTING – SAN SEVERO
23. SAN NICANDRO GARGANICO
24. ATLETICA VASTO
25. CORRERE OLTRE
26. G.S. IL FIORINO
27. IL PODISTA
28. RUNNERS TERMOLI
29. SPORTING CLUB PETRELLA
30. U.S. FOGGIA TLETICA LEGGERA
L’appuntamento è per la seconda edizione nel 2020 ed il pettorale n.1 è stato già consegnato al campione molisano Ivan Di Mario.

Commenti