Restauro a Baranello di due volumi antichi, protagonista il Lions Club Termoli host

Il Lions Club Termoli Host in collaborazione con l’ Archivio di Stato di Campobasso ha organizzato la Presentazione al pubblico del restauro di due volumi antichi di particolare pregio presso la Biblioteca Comunale di Baranello, sabato 27 maggio 2017.

I volumi restaurati sono l’Albo Dei Visitatori del Museo Civico Di Baranello che registra le visite dall’anno 1896 e il rarissimo libro del 1641, Memorie Historiche Del Sannio del dott. Vincenzo Ciarlanti, primo volume. L’Albo Dei Visitatori del Museo Civico annovera la firma di personaggi illustri tra i quali ricordiamo Vittorio Emanuele III di Savoia e Umberto II di Savoia.

La cerimonia è iniziata alle ore 10.00 presso la Biblioteca Comunale e si è conclusa presso il Museo Civico “Giuseppe Barone” alla presenza di Gianbattista Amoruso presidente del Lions Club Termoli Host, di Marco Maio sindaco di Baranello, del curatore del museo dottor Claudio Niro, della dott.ssa Antonietta Verdone Direttrice dell’Archivio di Stato di Campobasso, della dott.ssa Antonietta Santilli Direttrice dell’Archivio di Stato di Isernia, dei soci del Lions club e dei cittadini di Baranello.

Il presidente Gianbattista Amoruso ha ribadito l’impegno del Lions Club Termoli Host in un opera di servizio verso la collettività; un impegno che è rivolto anche alla preservazione e valorizzazione del patrimonio artistico e culturale, in questo senso ha manifestato tutta la sua soddisfazione per la collaborazione con gli Archivi Storici di Campobasso e Isernia.

La dott.ssa Antonietta Verdone ha dichiarato che il restauro del volume Memorie Historiche del Sannio è stato realizzato da restauratori di Roma ed ha inoltre ringraziato la signora Maria Rosaria Villani che ha restaurato l’Albo Dei Visitatori del Museo Civico e il dottor Claudio Niro per il gran lavoro che svolge presso il museo e la biblioteca. Infine ha rivolto un invito a tutti i cittadini a visitare e frequentare gli Archivi Storici, i musei e le biblioteche.

Il sindaco Marco Maio ha ringraziato il Lions Club Termoli Host e le dirigenti degli Archivi di Stato di Campobasso e di Isernia per l’opera di restauro e valorizzazione dei due volumi, ha inoltre parlato di Baranello, delle sue 43 contrade, dell’intensa vita sociale animata dalle molte associazioni culturali che operano nel comune e del Museo Civico che con i suoi più di duemila reperti raccolti dall’architetto Giuseppe Barone e donati ai suoi concittadini nel 1897, rappresenta un vero e proprio excursus storico tra manufatti artigianali, quadri e reperti artistici di inestimabile valore.

Il museo annovera dipinti, ceramiche di tutte le epoche, reperti archeologici e oggetti di varia provenienza suddivisi per ambito e disposti in ordine cronologico, bronzetti raffiguranti divinità greche e romane, ceramiche greche e italiche, reperti protostorici provenienti da Cuma, lucerne, pecchi, ex voto, vasi, unguentari corinzi e reperti egizi, una straordinaria raccolta di ceramiche: dalle maioliche di Faenza alle eleganti porcellane di Sèvres o di Meissen, dal biscuit di Capodimonte agli splendidi esemplari di porcellane cinesi e giapponesi, una raccolta di bronzetti e
medaglie, le statuine settecentesche del presepe napoletano e paramenti liturgici.

Il dottor Niro ha dichiarato di essere felice di questo restauro perché da nuova vita a due volumi che rischiavano di andar persi con gran detrimento per la cultura e la tradizione. Gianbattista Amoruso e i soci del Lions Club Termoli Host auspicano di poter continuare a collaborare con il Comune di Baranello e gli Archivi di Stato di Campobasso e di Isernia in un’opera sinergica di preservazione del nostro patrimonio culturale .

Commenti