Patrimonio culturale molisano, accordo con il Ministero per la valorizzazione. Frattura: “risultato straordinario”

MOLISE. Biblioteca Albino di Campobasso, Museo Sannitico, opere del Maestro Antonio Pettinicchi e collezione di Giuseppe Ottavio Eliseo: il Ministero dei beni culturali ne riconosce storia, prestigio e importanza e mette in sicurezza il patrimonio delle Province molisane valorizzandolo all’interno della Strategia nazionale dei beni culturali. Messo a punto l’accordo con il Mibact.

“Ieri sera a Roma, assieme al presidente della Provincia di Campobasso, Rosario De Matteis, e al consigliere Mike Matticoli della Provincia di Isernia, abbiamo condiviso l’intesa con il sottosegretario del Ministero dei beni culturali, Antimo Cesaro: è un risultato importantissimo”, spiega con soddisfazione il presidente della Regione Molise, Paolo di Laura Frattura.

“Da parte del Ministero – aggiunge Frattura –, abbiamo avuto dimostrazione di un’attenzione particolare per la tutela dei nostri beni culturali: l’inserimento nella Strategia nazionale è il riconoscimento certificato del prestigio delle opere che nel corso dei secoli sono state raccolte nella nostra regione. Avviamo un percorso di valorizzazione nazionale in un’ottica di una collaborazione significativa e fattiva tra Governo ed enti territoriali”.

L’intesa, che darà lustro e valore a livello nazionale ai beni indicati, salvaguarda anche tutte le professionalità addette alla Biblioteca Albino. “Esito per noi prioritario – sottolinea Frattura –, che ci mette nelle condizioni di garantire ai cittadini molisani la possibilità di godere e fruire dei preziosi volumi, collane, raccolte e libri custoditi all’interno. Era l’impegno assunto con il presidente De Matteis e con i dipendenti”.

Nell’accordo è anche stato individuato il percorso per un piano di riallocazione del personale impiegato nella Biblioteca provinciale di Isernia.
“Nel prossimo mese, conclusi gli adempimenti tecnici, presenteremo l’accordo in Molise quale conferma dell’attenzione del Governo per la nostra regione”, conclude il presidente Paolo Frattura.

Commenti