Passate al setaccio le stazioni ferroviarie di Molise, Puglia e Basilicata: ecco i numeri

ITALIA. Si è svolta ieri, 29 novembre, una giornata di controlli straordinari denominata “STAZIONI SICURE”, presso gli scali principali del territorio nazionale e zone limitrofe.

L’operazione ad alto impatto è stata disposta dal Servizio Centrale della Polizia Ferroviaria per innalzare ulteriormente il livello di attenzione negli Impianti ferroviari ed a bordo dei treni, anche alla luce del maggior afflusso di viaggiatori in concomitanza con l’approssimarsi delle festività natalizie, finalizzata, altresì, al contrasto di ogni forma di illegalità ed attività abusiva.

Nell’ambito del Compartimento della Polizia Ferroviaria di Puglia, Basilicata e Molise sono state interessate le Stazioni ferroviarie di Bari Centrale, Brindisi, Barletta, Campobasso, Foggia, Lecce, Metaponto, Potenza, Taranto e Termoli nonché altri scali di competenza, ove sono stati attuati controlli a viaggiatori e relativi bagagli al seguito nonché a persone ritenute sospette.

In campo 43 pattuglie della Polizia Ferroviaria per un totale di 86 uomini impiegati, con il supporto di tecnologie all’avanguardia, in particolare smartphone di ultima generazione con lettura ottica dei documenti, e metal detector per le verifiche sui bagagli.

Per quanto riguarda il capoluogo barese, i controlli hanno interessato anche le zone limitrofe della Stazione Centrale (extramurale Capruzzi, Piazza Moro, Corso Italia) e le Stazioni ferroviarie della Ferrotramviaria S.p.A., delle Ferrovie Appulo Lucane e delle Ferrovie del Sud Est, dove sono state effettuate verifiche e ispezioni nelle sale di attesa, nelle biglietterie, nei sottopassaggi, nelle toilette, a bordo dei treni, lungo i marciapiedi di arrivo e partenza dei treni e negli esercizi commerciali.

Va sottolineato che l’attività si è svolta sinergicamente, con la fattiva e preziosa collaborazione di personale di Protezione Aziendale di Trenitalia e Rete Ferroviaria Italiana che hanno effettuato, contemporaneamente, numerosi controlli di specifica competenza, sia a bordo treno che lungo i marciapiedi. In particolare, sono state eseguite delle capillari verifiche volte a constatare il possesso del titolo di viaggio dei passeggeri nonché il rispetto del regolamento d’uso.

Al termine dell’operazione, sono stati conseguiti i seguenti risultati:
• persone sospette indentificate e controllate: 912, di cui con pregiudizi penali 135 e stranieri 118;
• persone denunciate in stato di libertà: 1;
• sanzioni amministrative elevate: 2;
• verifiche con metal detector sui bagagli al seguito di viaggiatori: 118;
• servizi di scorta a bordo treno: 24
• veicoli controllati: 16;

Commenti