Nasce a Termoli il centro di aiuto alla famiglia. Il vescovo: “La Chiesa come ospedale da campo”

TERMOLI. La Chiesa percepita come Ospedale da campo. Investite risorse umane e materiali per interventi di pronto soccorso nel campo dell’educazione delle giovani generazioni e del sostegno alla genitorialità.
A Termoli, nell’ambito della diocesi, nasce il centro di aiuto alle famiglie. Gruppi di lavoro in diverse aree di intervento: quella della relazione d’aiuto, quella medica, l’area della prevenzione, poi della formazione e anche le aree legale e etica.

Questa mattina la conferenza stampa di presentazione introdotta dal giornalista Fabrizio Occhionero. Al tavolo dei relatori il vescovo Gianfranco De Luca, il vicario generale don Marcello Paradiso e il direttore del neonato centro, don Gianfranco Lalli.

“Uno dei primi incontri che feci 10 anni fa – ha detto il vescovo De Luca – era con un gruppo di persone alle quali chiesi di fare qualcosa per la famiglia, un centro di aiuto che si affiancasse alle famiglie a 360 gradi.

La famiglia è da tanto tempo che nella chiesa italiana è al centro come risorsa per la Chiesa e la Società.

Un servizio in più che ha questo territorio attraverso l’impegno e l’intelligenza di queste persone”.

Tante le persone impegnate in questo progetto che si mette al servizio della comunità attraverso competenze mirate. Il centro è aperto il lunedì, mercoledì e venerdì, dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 19.

“Noi siamo partiti – ha detto don Marcello Paradiso, vicario generale della diocesi – prestando attenzione all’emergenza educativa della nostra realtà sociale. Abbiamo insistito maggiormente sulle realtà scolastiche”.

Don Gianfranco Lalli ha invece illustrato i dettagli dell’attività del centro.

“Il desiderio del vescovo – ha detto – si incrocia alla realtà. Nel mezzo delle difficoltà nascono le opportunità”.

Un pensiero speciale a Mario Travaglini, il medico che ha contribuito alla realizzazione di questa lungimirante iniziativa, venuto a mancare prematuramente. Era lui il fautore dell’area medica.

 

Commenti