Montenero, monitoraggio ambientale e tutela del verde pubblico: bilancio dell’estate

MONTENERO DI BISACCIA. Il sindaco Nicola Travaglini e l’assessore all’Ambiente Simona Contucci tracciano un bilancio dell’attività estiva di monitoraggio e salvaguardia dell’ambiente e del verde pubblico, a tutela della salute dei cittadini.

“Nel corso dei mesi estivi – affermano Travaglini e Contucci – sono state svolte numerose attività a tutela dell’ambiente e del verde pubblico, che hanno dato risultati positivi.
Grazie alle convenzioni attivate con l’Associazione Volontari della Protezione Civile Montenero di Bisaccia Onlus e la Comunità Red 7 Novembre, siamo riusciti a mettere in atto azioni di prevenzione, sorveglianza e bonifica a difesa dell’ambiente ed in particolare delle zone protette, oltre alle attività di controllo finalizzato al rispetto delle corrette modalità di conferimento e smaltimento dei rifiuti indifferenziati, pericolosi, ingombranti, elettrici ed elettronici; altre iniziative sono state inoltre messe in campo in occasione di servizi aventi fini di prevenzione e mitigazione dei rischi.

Grazie a queste azioni di sorveglianza unitamente alle segnalazioni fatte pervenire da privati cittadini, siamo riusciti ad intervenire tempestivamente per ripulire alcune zone del paese e della zona a mare, che ci hanno portato alla bonifica di 10 discariche, nonché di 4 siti contenenti inerti, elevando inoltre 13 verbali per abbandono di rifiuti e per mancata pulizia e sfalcio di erbacce su terreni privati. Ottimo anche il risultato raggiunto in termini di informazione ai turisti sulle corrette modalità di conferimento dei rifiuti.

Ringraziamo in questa occasione tutti i cittadini che hanno collaborato, la Polizia Municipale, i volontari della locale Protezione Civile e gli ospiti della Comunità Red.
Spiace invece l’aver dovuto registrare numerosi incendi in varie zone del paese, in questo ultimo scorcio d’estate; su questo argomento è utile ricordare che nel nostro caso lo sfalcio dell’erba sui cigli delle strade provinciali spetta appunto alla Provincia e non, come invece qualcuno ha voluto far intendere disinformando la cittadinanza, al nostro Comune. E in ogni caso la presenza o meno di stoppie sui bordi delle strade non scongiura affatto il fenomeno degli incendi, dato che le fiamme si sviluppano spesso anche su terreni ben distanti dalle principali vie di comunicazione. Per quanto riguarda invece i Siti di Interesse Comunitario (Sic), sui quali qualcuno, sempre per fare populismo, ha suggerito opportune bonifiche, è opportuno rammentare che è universalmente nota la norma secondo la quale in tali zone debbano essere salvaguardate sia la flora che la fauna: ciò comporta l’oggettiva impossibilità di procedere ad una pulizia generalizzata di queste aree, in quanto si comprometterebbero irrimediabilmente piante autoctone protette. Stupisce anche in questo caso che la solita consigliera comunale di minoranza si sia attardata a ricercare improbabili responsabilità, guarda caso sempre a carico dell’Amministrazione comunale, piuttosto che condannare i possibili piromani.

Auspicando un maggiore spirito di collaborazione da parte dei cittadini nel tenere sempre puliti i propri terreni, informiamo che la nostra Amministrazione comunale proseguirà senza esitazioni nell’opera di prevenzione e di tutela del nostro patrimonio ambientale”.

Commenti