Molise Dolphins a L’Aquila per la gara di Pro14 fra Zebre e Dragons

TERMOLI. Un grande spettacolo per un’esperienza unica. È quella che si apprestano a vivere atleti, dirigenti e genitori dei bambini della società Molise Dolphins Rugby che sabato prossimo 14 aprile saranno sugli spalti dello stadio Fattori, a L’Aquila, per assistere a due diverse partite.

La prima sarà la gara di serie A fra i padroni di casa della storica società dell’Aquila Rugby e il Cus Genova, attualmente in testa al girone 1 di Poule Promozione della serie cadetta italiana. Una sfida che si preannuncia combattuta e che servirà ad avvicinare i giovani atleti molisani a un rugby fatto di sacrifici e passione, quella che nel capoluogo abruzzese c’è da quasi un secolo.

La seconda partita sarà invece una prima assoluta per il territorio. Per la prima volta nella storia il Pro14 (ex Celtic League, torneo che oggi raggruppa 4 squadre irlandesi, 4 gallesi, 2 scozzesi, 2 sudafricane e 2 italiane) si giocherà in Italia più a sud dell’Emilia Romagna.

Le Zebre, unica squadra italiana professionistica di rugby oltre alla Benetton Treviso, hanno sede a Parma, dove abitualmente giocano le loro partite casalinghe, ma in un’ottica di allargamento della base territoriale della franchigia federale, il XV allenato da Michael Bradley disputerà il prossimo turno del Pro14 proprio a L’Aquila.
C’è grande attesa in tutto l’Abruzzo e più in generale nel centro e in parte del Sud Italia per l’incontro fra le Zebre e i Dragons, compagine gallese che fa riferimento ai territori delle città di Newport e Gwent. Oltretutto è una gara alla portata dei bianconeri che schiereranno tanti talenti già visti in azione all’ultimo 6 Nazioni con gli azzurri, come Matteo Minozzi, autore di quattro mete nel Championship e in lizza per il titolo di miglior giocatore della competizione. Non mancherà di certo l’idolo di casa Giovanbattista Venditti, anch’egli nazionale italiano e nativo della Marsica.

“Si tratta di un’occasione eccezionale per tutta la società, ma in particolare per i nostri bambini – afferma il presidente dei Molise Dolphins Rugby, Stefano Di Leonardo -. Non capita spesso di poter vedere da vicino giocatori professionisti che indossano la maglia della Nazionale o avversari che hanno rappresentato nazioni di grande cultura ovale come Galles o Sudafrica.
Per i bambini è un’ottima opportunità di essere ispirati da loro nel gioco, mentre ritengo che i genitori possano vivere una giornata respirando l’atmosfera del rugby, sia quello professionistico che quello più vicino a noi, vivendo a pieno i valori che ispirano la nostra disciplina e che sono fondamentali per portare avanti una realtà come la nostra”.

I Molise Dolphins invitano chiunque fosse interessato a partecipare alla trasferta in pullman a L’Aquila a contattare la società telefonicamente al 3396782182 o sulla Facebook della società.

Commenti