Molisano e pentastellato, attivista depennato dalla lista dei candidati: “Sono vittima di irreali illazioni”

TORINO. E’ risultato il primo eletto della sua città nelle Parlamentarie del Movimento 5 Stelle. Fino a poche ore fa era nelle liste dei pentastellati candidati al Parlamento, ora non c’è più: è stato depennato. Parrebbe per danni d’immagine al partito. Ma nulla è dato per certo.
Mario Corfiati è un attivista storico del Movimento 5 Stelle, tanto propositivo di aver sostenuto con forza la candidatura e la vittoria del sindaco Appendino a Torino. Mario Corfiati ha origini molisane, è termolese. Vive ormai da tanti anni a Torino.
Non ha rilasciato dichiarazioni alla stampa. Ma non si è esimato di chiarire la sua posizione sulla sua pagina facebook.
“Grazie, grazie, grazie. Grazie – scrive Mario Corfiati – per le decine e decine di messaggi di solidarietà che mi sono pervenuti in queste ore.
Se ho taciuto finora, e non ho rilasciato alcuna intervista ai giornali, è perché da professionista e laureato in Giurisprudenza, quale io sono, ho sempre agito e dibattuto su PROVE e non illazioni.

Ad oggi – continua – per fugare ogni dubbio ribadisco con forza che:
– Non mi sono ritirato dalle Parlamentarie M5S Camera 2018.
– Fino ad ora non ricevuto alcuna comunicazione ufficiale con annesse motivazioni del Movimento per il mio depennamento dalla lista.

Da cittadino, da attivista, da professionista per anni mi sono battuto affinché la verità venisse sempre a galla, contro ogni macchinazione od illazione che potesse danneggiare il Movimento ed i suoi Portavoce.
Oggi invece sono, mio malgrado, vittima di rocambolesche, irreali e goliardiche illazioni da cui prendo le distanze, essendo false e lontane anni luce dalla mia persona.

Io continuerò, con sempre più convinzione, la mia attività civica e culturale, perché mai come ora ho il sostegno di decine di persone – conclude – che credono in me, ancora più di prima”.

Commenti