Marone anticipa tutti: “Pronto a fare il presidente della Regione”

TERMOLI. Michele Marone, coordinatore regionale di Energia per l’Italia, anticipa tutti e questa sera, nell’inaugurazione della sua sede in pieno centro a Termoli, ha manifestato ufficialmente la sua disponibilità ad essere il futuro governatore del Molise. Pronto a candidarsi per governare la regione.

Insieme ad Azione Civica Molise e con il Movimento agricolo molisano, in questi anni, hanno lavorato su un programma che già possono presentare alla cittadinanza. E così Marone ha fatto. Alle tante persone accorse all’evento, ha illustrato i punti chiave dell’azione che l’attuale consigliere comunale, insieme alla sua squadra, vorrebbe mettere in campo. “Un grande cantiere di lavoro”, è lo slogan principale di un programma che si incentra su 5 punti in modo particolare: un’agricoltura moderna e remunerativa; far crescere il territorio con le sue risorse; una sanitò efficiente e di qualità; più giovani, più innovazione e più occupazione; una regione che funzioni e sappia parlare con il mondo.

Dall’agricoltura alle infrastrutture, dal turismo alla comunicazione. Un programma ricco di spunti: Marone ha evidenziato la necessità di istituire distretti produttivi e filiere agricole, ha posto in luce la necessità per il Molise di inserirsi nel panorama della gastronomia italiana nel mondo; ha ribadito le criticità delle vie di comunicazione molisane e si è concentrato sul sistema idrico integrato.

Per il leader regionale di Energie per l’Italia va posta particolare attenzione al lavoro per i giovani in modo particolare e all’opportunità della start up. E sulla sanità? “Occorre un nuovo approccio per l’organizzazione sanitaria, il sistema regionale deve essere considerato unico sistema funzionale (pubblico e privato”.

Alle elezioni del 22 aprile mancano 2 mesi ma Marone e la sua squadra sono già al lavoro. Ora che il magistrato Enzo Di Giacomo ha fatto un passo indietro, il centrodestra vorrà convergere sull’avvocato termolese? Chissà.

 

 

Commenti