L’esperienza di una mamma: ecco perché partorire al San Timoteo è una buona idea

TERMOLI. Irina Fanelli è mamma, ha partorito poche settimane fa la sua splendida Aurora. Ha partorito al San Timoteo e in una lettera che ha inviato alla nostra redazione spiega perché scegliere di partorire a Termoli è una buona idea!

Viviamo in una società in cui le tante buone notizie non fanno scalpore al contrario di quelle cattive che, invece, pur essendo delle eccezioni ne fanno più di quanta ne dovrebbero fare. Per questo motivo credo sia giusto e doveroso scrivere queste poche righe per testimoniare la mia bellissima esperienza presso il reparto di Ostetricia-Ginecologia dell’ospedale San Timoteo di Termoli.

Il 20 Novembre 2018 sono diventata mamma della splendida Aurora, e sin da quando ho scoperto di essere incinta non ho avuto alcun dubbio: pur vivendo a San Salvo avrei partorito nella mia città natale, Termoli. Durante tutto il travaglio sono sempre stata affiancata da due ostetriche ed un dottore, e nell’ultima fase oltre le due ostetriche son stati presenti due dottori. Ci son state delle difficoltà e se non fosse stato per l’equipe che mi ha aiutata non sarei riuscita di certo a conculdere il parto in modo naturale. Per questo vorrei ringraziare tutto il personale della sala parto ed  in particolar modo l’ostetrica Rocchina Manzi che con tantissima sensibilità, solarità ed empatia mi ha assistito e spronato fino alla fine e la dottoressa Di Donato per le sue doti umane oltre che per la sua professionalità.

Durante la mia degenza ho visto persone di un’umanità unica e di una professionalità fuori dal comune. Purtroppo, molto spesso, non sempre gratificate quanto meriterebbero. Ho visto persone instancabili, dedite alla cura e al benessere del paziente. Un luogo in cui non sei un numero ma una persona, dove il riscontro con il personale medico è immediato ed il tuo stato di salute sta a cuore a tutti  partendo dal portantino fino ad arrivare al gentilissimo Primario dr. Bernardino Molinari. Un reparto che riporta in alto gli standard qualitativi delle professioni sanitarie.

E’ ingiusto pensare che nonostante tutto questo, ci siano così tante malelingue su questo reparto.

Concludo augurando a tutte le future mamme di vivere un’esperienza positiva come la mia, sperando di averle incentivate a riempire i corridoi del reparto di Ostetricia-Ginecologia di Termoli di  vagiti di Neonati affamati!”

Commenti