La mutualità guarda al futuro, Società Operaie del Molise a raccolta

Si è tenuto domenica scorsa a Casacalenda, il comitato di coordinamento delle Società Operaie di Mutuo Soccorso del Molise, chiamate a raccolta per discutere e confrontarsi insieme su diversi argomenti utili a difendere e rafforzare i principii della solidarietà e fratellanza, baluardi di equità e libertà, portati avanti con tenacia anche da una parte dell’associazionismo molisano da oltre un secolo.

Al tavolo dei lavori della giornata hanno preso parte il Coordinatore regionale della Società Operaia, Antonio Putaturo, il Vice Coordinatore e Presidente della S.O. di Casacalenda, Raffaele Corsi, e i Presidenti delle S.O. di Lucito, Carovilli , San Giovanni in Galdo e San Martino in Pensilis, nelle persone di Giacinto Pizzuto, Angelo Di Ianni, Rocco Barrasso e Raffaele Di Bello. Tra gli intervenuti anche il prof. Antonio Vincelli, autore di numerose opere di rilievo nel panorama storico, agrario e culturale del Molise.

A portare ai presenti il saluto delle istituzioni locali i sindaci di Carovilli e Lucito, Antonio Cinocca e Fabiola De Marinis, che nei loro interventi hanno rimarcato, rispettivamente, l’importanza di mantenere sempre vivo il dialogo tra le strutture associative e le istituzioni a tutti i livelli, e il ruolo delle Società Operaie in quanto custodi di una memoria storica importante incentrata sul mutuo soccorso e di come questo concetto debba rinnovarsi per trovare piena attuazione nella società contemporanea.

Tra gli interventi registrati nella seduta di coordinamento anche quello di Guido Savelli, rappresentante della Cesare Pozzo, società di mutuo soccorso che offre servizi di integrazione sanitaria ad oltre 400 mila iscritti in Italia, che ha rilevato come la reciprocità nell’aiuto abbia consentito nel tempo di garantire sostegno ai singoli, ma a beneficio della collettività e di quanto la Cesare Pozzo sia tutt’oggi impegnata a conseguire questo obiettivo.

Come da ordine del giorno lo start ai lavori è stato rappresentato dall’approvazione, previa lettura, del verbale della seduta precedente, che ha offerto numerosi spunti di riflessione e discussione tra i presenti sui vari adempimenti da ottemperare.

Particolarmente rilevante l’adozione del logo delle Società Operarie di Mutuo Soccorso del Molise, realizzato da Rocco Barasso, che da oggi saranno rappresentate anche graficamente con una simbolica stretta di mano che richiama ai valori di “Fratellanza, Lavoro, Onestà”.

Tra i propositi del coordinamento vi è anche la stesura del testo da proporre all’attenzione della Regione Molise per le modifiche alla legge regionale sulle società operaie, sul quale si dibatte da circa un anno e rispetto al quale i presenti si impegnano ad elaborare una proposta che contempli le reali ed attuali necessità delle S.O. e le aiuti a preservarsi e rafforzarsi sui territori.

Ultimo punto all’ordine del giorno l’organizzazione della gita sociale, evento di cui si fa portavoce Ornella Mancini della società operaia di San Martino in Pensilis, che affida a Marcello Pastorini, in rappresentanza dell’Ecomuseo di Larino, l’illustrazione dell’itinerario proposto per il 15 settembre: una visita alle bellezze storiche e artistiche di Larino che sarà momento di aggregazione e di scoperta di uno dei borghi più belli del Molise, ricco di arte e cultura, per terminare con un pranzo in un locale della zona.

Un momento conviviale ha segnato la conclusione anche della giornata di ieri, particolarmente partecipata dai rappresentanti delle società operaie del Molise che hanno colto l’occasione per condividere progetti, obiettivi e ideali di una intera vita spesa nel sostegno al prossimo.

Commenti