L’ Istituto Comprensivo Sant’Elia a Pianisi ospita gli alunni dell’Istituto Comprensivo di Montaquila nell’ambito del progetto di Gemellaggio sulla Legalità

Continua il gemellaggio che lega da più di sei anni l’Istituto Comprensivo di Sant’Elia a Pianisi con Monteroduni, scuola appartenente da qualche anno all’’Istituto Comprensivo Montaquila.

L’iniziativa portata avanti con volontà dai dirigenti dei due Istituti, prof.ssa Giovanna Fantetti e prof.ssa Maria Pia Tomassetti ha il fine di attivare un percorso di scambio socio-culturale tra le
due scuole sul tema della Legalità. Il 28 maggio 2016 l’Istituto avrà il piacere di ospitare, nei plessi di Tufara e Gambatesa, un cospicuo gruppo di studenti e docenti provenienti da Monteroduni ed insieme trascorreranno una giornata all’insegna della socializzazione, dello scambio di esperienze e idee sul tema dell’Ecomafia ovvero sul ruolo della criminalità organizzata nel danneggiamento volontario dell’ambiente.

L’incontro sarà accompagnato da un convegno nel quale interverranno Annamaria Torre, Libera memoria e figlia di Marcello Torre, sindaco di Pagani ucciso dalla camorra l’11 dicembre 1980, il professor Marcello Ravveduto dell’Università degli Studi di Salerno, autore del libro” Il Sindaco Gentile”, il professor Franco Novelli, presidente dell’Associazione “Libera Molise” e il dottor Giuseppe Faioli di Legambiente.

Durante la giornata gli alunni divisi in gruppi potranno visitare la Fortezza di Tufara e il Castello di Gambatesa. Nel corso della manifestazione saranno presentati tutti i lavori realizzati dagli alunni della scuola secondaria e primaria di entrambi gli istituti sul tema della legalità. Sono previste attività laboratoriali per gli alunni più piccoli e momenti di intrattenimento musicale con l’intervento della Selia Band. Il cammino di educazione alla legalità e alla cittadinanza intrapreso dalle due scuole ha l’obiettivo di promuovere la formazione e la crescita civile dei ragazzi e lo sviluppo di una coscienza critica della propria realtà e di realtà differenti, favorendo al contempo lo sviluppo di mentalità e atteggiamenti ispirati ai principi di onestà e coscienza civile e solidale. Si ringraziano le amministrazioni comunali e la comunità Scolastica per l’impegno mostrato nell’organizzazione dell’evento.

Commenti