A Isernia la prima edizione della Festa dell’architetto

L’ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Isernia presenta la prima edizione della Festa dell’Architetto, prevista nei giorni 12 e 13 luglio 2018, presso l’Auditorium Unità d’Italia di Isernia.

Con tale manifestazione, l’OAPPC propone una serie di incontri per porre al centro dell’attenzione il ruolo dell’architetto nella società contemporanea. All’interno delle giornate è previsto il seminario formativo dal titolo ‘Paesaggio – valorizzazione, tutela e trasformazione’, con l’intervento di esperti della materia, provenienti dall’università del Molise e dalle istituzioni regionali che si alterneranno nella sala convegni dell’Auditorium. Nel padiglione antistante, invece, gli architetti dell’Ordine di Isernia mostreranno una raccolta di progetti, disegni e bozzetti realizzati dai professionisti della provincia. Il seminario è rivolto principalmente agli iscritti all’ordine professionale degli architetti e degli ingegneri e sarà valido ai fini della formazione continua mentre la mostra è aperta al pubblico con ingresso libero come le altre attività.

Si parte alle ore 10 del dodici luglio con l’apertura dell’esposizione, il corso d’aggiornamento, invece, avrà inizio alle ore 16 e si prolungherà fino al tardo pomeriggio con gli interventi degli ospiti e dei relatori. Sarà succeduto da un aperitivo in chiusura. La seconda giornata sarà dedicata alla mostra (gio-ven, dalle ore 10 alle ore 12 e dalle ore 16 alle ore 22) e alla proiezione del film Il Cielo sopra Berlino di Wim Wenders, alle ore 21.

“La Festa dell’Architetto – ha detto Massimo Sterpetti, Presidente dell’Ordine di Isernia – ha lo scopo di promuovere la figura professionale dell’architetto e il suo ruolo nella società attraverso esempi di interventi e progetti e delle responsabilità civili e sociali del nostro operato. Con l’esposizione delle opere, invece, vogliamo rivelare come l’architetto lavora su uno spettro amplissimo: si muove dall’edilizia all’arte, dal design alla grafica, nel contesto urbano, ambientale e sociale. Potere e dovere trasformare il territorio in tutti i suoi aspetti, rispondendo alle istanze, che siano esse pubbliche o private, ci obbliga, deontologicamente e per una maggiore consapevolezza, a coinvolgere e formare dapprima gli iscritti e i professionisti e in seguito l’intera comunità, per incentivare la domanda di qualità di architettura, facendo comprendere la centralità di questa professione.

La Festa dell’Architetto è stata realizzata grazie al lavoro degli architetti e della Commissione Cultura dell’Ordine di Isernia ed è solo uno degli eventi in programma da parte dell’Ordine. Sono previsti per i prossimi mesi incontri e appuntamenti con le scuole e la cittadinanza con dimostrazioni pratiche e convegni a tema”.

Commenti