Inaugurato a San Giuliano il Museo della Memoria: ricordo, sicurezza e prevenzione in primo piano

SAN GIULIANO DI PUGLIA. Per non dimenticare. E’ stato inaugurato oggi a San Giuliano il Museo Multimediale della Memoria del terremoto: “Un’opera – ha evidenziato il sindaco Luigi Barbieri – che abbiamo voluto al termine della ricostruzione perché un popolo senza memoria è un popolo senza futuro”. Nella struttura è istituita una sezione specifica dedicata alla Memoria, al Sisma del 31 ottobre del 2002 e all’esperienza della ricostruzione, per progettare edifici sostenibili, sicuri e tecnicamente perfetti.

“È il primo centro culturale italiano nato – ha detto il sindaco – per “ricordare”, “prevenire” e “intervenire”, un progetto innovativo e unico ideato, voluto e patrocinato da cittadini, associazioni ed istituzioni del territorio di San Giuliano di Puglia”.

All’interno dell’edificio ci sono piattaforme multimediali, “le prime due – ha detto Barbieri – racconteranno la vita, le tradizioni, i prodotti e le risorse del Molise ma attenzione perché la mancata prevenzione dai georischi ci fa perdere proprio tali ricchezze economiche, sociali e culturali. A ricordarlo saranno altre due piattaforme multimediali e lo faranno in modo concreto. A San Giuliano sono stati installati ben tre sensori sismici, di cui due sotto edifici pubblici ed un altro dove esattamente sorgeva la scuola crollata.

Questi tre sensori sono in grado di trasmettere immediatamente dati in tempo reale alla Centrale Operativa della Protezione Civile. Tali dati però arriveranno anche sulla terza piattaforma multimediale del Museo, li vedremo. Sulla quarta piattaforma assisteremo addirittura a simulazioni sismiche su edifici scolastici. Si vedrà come risponderebbe in caso di terremoto un edificio scolastico costruito con sistemi tradizionali e come risponderebbe invece un edificio scolastico costruito con isolatori sismici”.

La frequenza degli studenti sarà fondamentale: un posto interattivo che esalta la sicurezza e la prevenzione ai rischi più drammatici.

Commenti