Gravi carenze igienico-sanitarie e strutturali, chiusi due caseifici artigianali

BASSO MOLISE. Nell’ambito dei controlli della sicurezza alimentare, il Nas di Campobasso, operante sull’intero territorio regionale e coordinato dal Comandante Luogotenente Mario Di Vito, a seguito di attività ispettiva presso aziende zootecniche ubicate nel Basso Molise, ha proceduto, avvalendosi della collaborazione di personale medico-veterinario dell’Aarem, alla chiusura di due caseifici artigianali/aziendali perché non autorizzati ed interessati da gravi carenze igienico-sanitarie e strutturali.

Nella circostanza i militari accertatori, oltre a deferire all’Autorità Giudiziaria competente i responsabili delle aziende, hanno proceduto a porre sotto sequestro circa 250 chili di formaggio di pecora perché tenuto in cattivo stato di conservazione (senza il rispetto delle elementari norme igieniche ed a temperatura non conforme) ed anche
perché risultato insudiciato e invaso da parassiti, in violazione alla legge n. 283/1962.

Il Nas, sempre nella provincia di Campobasso, ha proceduto presso due distinte attività di ristorazione, alla chiusura di un locale adibito a deposito alimentare poiché non autorizzato e privo dei requisiti minimi obbligatori nonché al sequestro amministrativo di circa 100 kg di pesce e carne privi di documentazione attinente la rintracciabilità (luogo di produzione, origine e provenienza).
Sono state elevate sanzioni amministrative per € 14.200,00. Il valore dei sequestri e delle strutture chiuse ammonta a circa € 300.000,00

Commenti