Giornata diocesana del malato, iniziative con la partecipazione del Vescovo De Luca all’ospedale San Timoteo di Termoli e alla casa di accoglienza “Villa Santa Maria”

“Gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date” (Mt 10,8): è questo il tema del messaggio di Papa Francesco dedicato alla 27esima Giornata mondiale del malato che si celebrerà lunedì 11 febbraio 2019, solennità della Madonna di Lourdes, e in modo solenne a Calcutta, in India.

Nel messaggio il Papa evidenzia che “La Chiesa, Madre di tutti i suoi figli, soprattutto infermi, ricorda che i gesti di dono gratuito, come quelli del Buon Samaritano, sono la via più credibile di evangelizzazione. La cura dei malati ha bisogno di professionalità e di tenerezza, di gesti gratuiti, immediati e semplici come la carezza, attraverso i quali si fa sentire all’altro che è “caro”.

Sono diverse le iniziative in programma anche sul territorio della Diocesi di Termoli-Larino per condividere un momento di preghiera, riflessione e accoglienza amorevole di ogni fatica e sofferenza con gesti di condivisione e reciprocità.

Domenica 10 febbraio 2019, alle 11.30, il Vescovo, Gianfranco De Luca, presiederà la Santa Messa nella cappella dell’ospedale San Timoteo di Termoli.
Lunedì 11 febbraio 2019, dalle 8.30, mons. De Luca, accompagnato dal cappellano dell’ospedale, padre Francesco Savino, visiterà i reparti di degenza per una visita alle persone ricoverate.
Tutti i volontari ospedalieri sono invitati a partecipare alle iniziative organizzate in collaborazione con la Direzione sanitaria ospedaliera e dell’Ufficio relazioni con il Pubblico.

Nel pomeriggio di lunedì 11 febbraio 2019 la Diocesi di Termoli-Larino celebrerà la Giornata diocesana del malato alla casa di accoglienza Villa Santa Maria di Montenero di Bisaccia.
Il programma prevede alle 16 l’accoglienza e la recita del Santo rosario; alle 17 la messa presieduta dal Vescovo De Luca nella chiesa della struttura; a seguire, un momento di fraternità.
L’iniziativa viene preceduta da un Triduo di preparazione, iniziato l’8 febbraio a cura delle Suore della Dottrina Cristiana.

Commenti