Due esponenti di spicco dell’ufologia italiana a Termoli in un importante convegno

Sabato 18 marzo, presso il MACTE, via Giappone, a Termoli, con inizio alle ore 17,00, ingresso gratuito, si svolgerà un importantissimo convegno su materie di confine dal titolo “Da Marte, ai Sumeri, agli antichi Egizi”, con due esponenti di spicco dell’ufologia italiana e della ricerca di anomalie del pianeta Marte. Si tratta dell’ing. Ennio Piccaluga e del dott. Angelo Carannante, negli ultimi anni sulla scena e spesso sui medi, che saranno presentati da Oscar de Lena presidente dell’archeoclub di Termoli.. Nel loro percorso sono partiti dalla constatazione che, rispetto alle versioni ufficiali degli enti spaziali e dei governi, la realtà del suolo marziano non è affatto quella che ci viene raccontata.

Le immagini “ufficiali” che storicamente ci sono state fornite, inviate dalle sonde spaziali e dai rover, hanno mostrato delle evidenze non certo naturali. Così Piccaluga, nel suo nuovo libro “Ritorno su Lahmu”, che sarà presentato nell’occasione e con tanto di firma autografa dell’autore per chi sarà in possesso di una copia, farò vedere che sul Pianeta Rosso, vi sono evidenze di città, di animali, di cupole, di artefatti, attraverso immagini che lasciano alquanto interdetti e difficilmente spiegabili con la teoria della pareidolia.

Altro relatore del pomeriggio marziano, sarà il presidente del C.UFO.M. dr. Angelo Carannante che ha curato l’introduzione di Ritorno su Lahmu e che mostrerà ai fortunati intervenuti in sala che probabilmente il celebre “Volto su Marte” esiste veramente in quanto ha fatto una scoperta sorprendente che sembra confermarne l’esistenza. Ulteriori informazioni si possono trovare su www.centroufologicomediterraneo.it, oppure telefonando ai numeri 339/6509535 oppure 320/0196376. I due ufologi hanno dichiarato che è ora di squarciare il velo di omertà che attanaglia la realtà effettiva di Marte ma anche quella degli ufo.

 

Commenti