In una immagine postata su twitter da Luca Gialanella la neve sul valico del Turchino nell'ora in cui dovevano passare i corridori della Milano-Sanremo, 17 marzo 2013. ANSA/TWITTER +++EDITORIAL USE ONLY - NO SALES+++

Danni da avversità atmosferiche, contributi per le aziende agricole molisane

MOLISE. Via libera alla presentazione delle domande di contributo per le aziende agricole ricadenti nei territori della Regione Molise danneggiate dalle eccezionali nevicate protrattesi dal 5 al 25 gennaio 2017.

“Le domande di intervento per l’eccezionalità degli eventi atmosferici devono essere inviate entro il termine perentorio del 12 dicembre 2017″, precisa l’Assessore regionale al ramo, Vittorino Facciolla, rimarcando la prontezza con la quale la Regione si sia subito attivata per chiedere, ottenendolo, il riconoscimento dello stato di calamità.

Lo scorso 25 settembre è stato, difatti, notificato il Decreto di Declaratoria del Ministero delle Politiche Agricole e Agroalimentari circa la richiesta per l’applicazione, nei territori delle Province di Campobasso ed Isernia danneggiate dall’eccesso di neve, delle provvidenze del Fondo di Solidarietà Nazionale. Decreto adesso pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale.

Le domande di aiuto devono essere presentate mediante gli appositi modelli di domanda reperibili sul sito www.regione.molise.it ed indirizzate a Regione Molise- IV Dipartimento della Giunta Regionale- Servizio Economia del Territorio, Attività Integrative, Infrastrutture Rurali e Servizi alle Imprese- via G. Vico 4- 86100- Campobasso oppure inviate telematicamente a regionemolise@cert.regione.molise.it.

Beneficiari dei contributi sono le imprese
– iscritte fin dalla data dell’evento atmosferico presso la CCIAA al registro delle imprese;
– ricadenti nelle zone delimitate con Decreto Ministeriale che abbiano subito danni superiori al 30% della produzione lorda vendibile;
– che hanno segnalato i danni alla Regione entro il 5 maggio 2017;
– regolarmente iscritte nella relativa gestione previdenziale e assicurativa e in regola con gli oneri previdenziali, assistenziali ed assicurativi;
– non siano in stato di fallimento, di liquidazione coatta, di concordato preventivo e in qualsiasi altra situazione equivalente secondo la legislazione vigente.

L’istruttoria delle istanze sarà effettuata nei successivi 90 giorni dalla scadenza del termine di presentazione delle stesse.

Commenti