Cuccioli di cane trasportati in uno stato penoso, nei guai un 38enne per maltrattamenti di animali

TERMOLI. La Polizia Stradale, sempre in prima linea per la tutela del cittadino ed anche degli animali.
Nel pomeriggio di ieri 11 agosto, durante il servizio di perlustrazione, opportunamente intensificato in occasione dell’esodo di ferragosto, una pattuglia del Distaccamento Polizia Stradale di Termoli, all’interno dell’area di servizio posta tra Termoli e Campomarino, ha proceduto al controllo di un furgone cui era agganciato un rimorchio leggero.

Agli agenti non sono sfuggiti i guaiti che provenivano dall’interno del rimorchio. Infatti, ispezionato il vano di carico, hanno rinvenuto diversi cuccioli di cane, stipati ed in condizioni insalubri.

I piccoli erano rinchiusi in anguste cassette di plastica senza né cibo né acqua e con spazio ridottissimo sicuramente insufficiente a sostenere un viaggio.

Gli agenti della Polizia Stradale hanno fatto intervenire sul posto, oltre ad un veterinario per verificare le condizioni di salute degli animali, anche personale del Nucleo Forestale dei Carabinieri di Termoli, con i quali, in piena sinergia operativa, sono riusciti a far sì che il trasferimento dei cuccioli verso la meta prevista, Brindisi, avvenisse mediante un mezzo idoneo al trasporto di animali.

Il conducente del furgone, un cittadino rumeno di 38 anni, è stato deferito all’Autorità Giudiziaria per maltrattamento di animali.

Per i poveri cuccioli malcapitati, tutti razza pastore del Caucaso, l’intervento della Polizia Stradale si è rivelato quanto mai provvidenziale.

Commenti