Costituzione e Statuto dei lavoratori, l’Anpi: “Si riparta dai diritti”

L’Anpi Molise promuove insieme alla Fondazione Giuseppe Di Vittorio un evento pubblico per il 26 maggio prossimo alle ore 16.30 presso il Saloncino Celestino V dell’Arcidiocesi di Campobasso in Via Mazzini.

L’incontro che verterà sul tema della Costituzione e dello Statuto dei Lavoratori, sarà coordinato dal Vice-Presidente dell’Anpi Regionale Michele Petraroia e vedrà intervenire il Presidente dell’ANPI Molise Loreto Tizzani, il Segretario Generale della CGIL Molise Sandro Del Fattore, Andrea Gianfagna della Fondazione Giuseppe Di Vittorio, Padre Giancarlo Maria Bregantini, Arcivescovo di Campobasso-Bojano, l’Avv. Gianlivio Fasciano, esperto di Diritto del Lavoro ed il responsabile del Comitato Nazionale ANPI Carlo Ghezzi.

A latere della manifestazione sarà possibile firmare in difesa della Costituzione e per i referendum promossi dalla CGIL in materia di lavoro e di istruzione. L’obiettivo dell’incontro pubblico è quello di approfondire le ragioni del No alle modifiche della Costituzione e quelle a sostegno della proposta di legge di iniziativa popolare sulla Carta Universale dei Diritti dei Lavoratori.

La questione sociale e la questione democratica risultano fortemente intrecciate tra loro e necessitano di un’inversione culturale che fermi la deriva di mercificazione in atto e rilanci con forza l’esigenza di dare piena attuazione all’art. 3 della Carta Costituzionale. Lo smantellamento del sistema di protezione sociale pubblico accresce le disuguaglianze tra un nucleo di ricchi sempre più ristretto ed il resto della popolazione che progressivamente viene spogliata di diritti essenziali sia in materia elettorale che per ciò che attiene la qualità del proprio lavoro o l’accesso all’istruzione e alle cure sanitarie.

Salvaguardare e attuare la Costituzione, fermare la precarizzazione del lavoro e porre un limite allo smantellamento dei servizi pubblici, per rilanciare un modello sociale solidale, inclusivo e giusto.


Commenti