Campionati italiani di danza, tanti i talenti termolesi

TERMOLI. Si è concluso con grande successo il Campionato italiano di danza sportiva 2017 per la scuola di ballo A.s.d Emozioni Latine che ha collezionato tutte finali nel corso delle gare.

Gli atleti hanno partecipato come ogni anno all’evento più atteso e per il quale si sono allenati senza sosta, grazie al sostegno e alla passione dei loro maestri Cristian Falcone e Maria Clelia Carota che da sempre hanno portato in alto il nome della scuola lasciando un segno nella danza.

Il campionato si è svolto dal 9 al 23 luglio nella città di Rimini accogliendo migliaia di talenti e personaggi famosi, di certo questi giorni di attività sono stati molto faticosi sia fisicamente che psicologicamente per i ragazzi ma hanno portato anche moltissime soddisfazioni e talvolta dispiaceri.

La scuola Emozioni Latine certamente come ogni anno ha portato a casa tante finali, infatti anche quest’anno tutti gli allievi sono rientrati in finale fra oltre 30 gruppi nelle categorie di syncro dance, choreografic dance, show dance, latin show dance, street show nella classe B.

Moltissimi duo e assoli si sono scontrati con avversari di alto livello ma sono ugualmente riusciti a passare in semifinale.

Inoltre hanno gareggiato le coppie di classe A formate da Loretta Pezzoli e Lorenzo Vizzarri,Marco Collini e Miriam Marcovecchio che hanno sbaragliato più di 100 coppie.

Anche le coppie dei più piccoli della scuola di ballo formata da Brayan e Sophie sono arrivati al secondo posto nel loro primo debutto, Alessio e Desirèe hanno sfiorato la semifinale.

I temi sul quale vengono coreografati gli show sono di attualità come l’immigrazione, l’olocausto, l’alcolismo, la violenza sui minori e sia su generi più divertenti come la riproduzione di cartoni animati.

La creatività e l’emozione che i maestri da sempre hanno insegnato a trasmettere ai ragazzi certamente si rispecchia nelle competizioni rimanendo per anni campioni regionali e finalisti alle gare nazionali, portando in alto il nome del Molise.

Giusy Esposito

Commenti