Reati ambientali sotto la lente della Forestale, scoperto un abuso edilizio

Sant’angelo del Pesco. Prosegue l’attività operativa dei carabinieri forestali in provincia di Isernia per la tutela del ricco patrimonio naturalistico e per il contrasto agli illeciti in danno all’ambiente e al paesaggio.

I militari della Stazione forestale di Pescopennataro hanno deferito tre persone alla Procura della Repubblica di Isernia. Nel corso del controllo del territorio rurale, nel comune di Sant’Angelo del Pesco, sottoponevano a verifiche una serra inamovibile di recente costruzione e la relativa strada di accesso dalla provinciale 88 “Sangrina”, con la finalità di appurare il rispetto della normativa ambientale.

Dal controllo è emerso che mancavano il permesso di costruire e l’autorizzazione paesaggistica. L’area in questione è caratterizzata da un considerevole pregio naturalistico e paesaggistico, e anche piccoli interventi abusivi possono determinare un degrado e una alterazione ecologica. Per questi motivi il committente dell’opera, il tecnico e il titolare della impresa esecutrice dei lavori sono stati denunciati alla competente Autorità giudiziaria.

Commenti